Definitivamente nullo il ricorso contro Moving Forward!

Il TAR del Lazio ha sciolto ogni dubbio, confermando in via definitiva la nullità del provvedimento che aveva inizialmente escluso la lista dalle elezioni per il rinnovo del Comites di Londra. La sentenza è stata pubblicata questa mattina.

La lista era stata esclusa da un provvedimento del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale in seguito a un “ricorso” che contestava la validità di una firma di una concittadina che aveva sottoscritto la lista Moving Forward. Il provvedimento era stato immediatamente impugnato dal presentatore di lista Andrea Pisauro, assistito dall’avv. prof. Sandro Amorosino. L’annullamento del provvedimento di esclusione, già predisposto in via cautelare per permettere un regolare svolgimento della tornata elettorale di Aprile, diventa dunque definitivo.

Proseguirà dunque con rinnovato impegno e dedizione il lavoro dei 5 consiglieri che Moving Forward ha eletto nel Comites di Londra.

14 Novembre nuova seduta del Comites di Londra

Una nuova seduta del Comites di Londra, è stata convocata dal presidente Pietro Molle il 14 Novembre, alle ore 3 pm al seguente indirizzo: 124 Canonbury Road, London N1 2UT (presso il patronato INCA CGIL).
 
La riunione, è stata convocata con il seguente ODG:
 
1. Approvazione del verbale della seduta del Comites del 17 luglio 2015;
2. Relazione del Presidente sulle attività svolte;
3. Relazione dei Presidenti delle Commissioni sulle attività svolte;
4. Incarico, con forme e modi da concordare, ad un elemento esterno di segreteria;
5. Approvazione di un elenco di organi di stampa e mezzi di comunicazione italiani in GB ai quali inviare le convocazioni delle sedute del Comites;
6. Proposta dei Consiglieri Iacuzio e Pisauro circa un coordinamento delle pagine d’informazione on-line;
7. Varie ed eventuali;
8. A discrezione del Presidente della seduta: interventi del pubblico.
 
Nel corso della riunione dovrebbe essere approvata la creazione del sito e degli account sui social media preparati dalla Commissione Comunicazione presieduta dalla nostra Laura de Bonfils che relazionerà il Comites in materia. Il presidente della Commissione Cultura Andrea Pisauro relazionerà inoltre il Comites sul taglio di oltre 3 milioni di euro ai corsi di italiano all’estero, previsti nella legge di stabilità attualmente in discussione al Senato. Nei prossimi giorni pubblicheremo su questo sito un resoconto della riunione.

 

Ricordiamo inoltre che le sedute del Comites sono pubbliche (art.5 comma 5 della Legge 286/2003).
Consigliamo tuttavia per ragioni logistiche chi volesse assistere alla riunione di avvertire i nostri rappresentanti all’indirizzo: movingforward.london@gmail.com.

Inaugurazione: Mostra MUSSOLINI’S FOLLY FARCE & TRAGEDY IN LITTLE ITALY

L’imponente palazzo a due passi da Trafalgar Square che fu sede del Partito Fascista Italiano in Inghilterra

tra il 1937 e il 1940 ospiterà la mostra

MUSSOLINI’S FOLLY FARCE & TRAGEDY IN LITTLE ITALY

vi aspettiamo all’ inaugurazione il 17 novembre dalle ore 18.00 alle 19.30

Charing Cross Library, 4 Charing Cross Road, WC2H 0HF

fa

A partire dal 1936 il palazzo al numero 4 di Charing Cross Road, attualmente una Westminster Library, diventò il quartier generale del Partito Fascista di Londra che dirigeva le strutture della colonia italiana in Inghilterra, incluse una dozzina di sedi del partito sparse nel Regno Unito, scuole, centri sociali e sindacati.
Rimase sede del partito fino alla dichiarazione di guerra di Mussolini al Regno Unito del 10 giugno 1940 a cui seguirono gli arresti di migliaia di Italiani e l’internamento con la tragedia dell’Arandora Star.
La mostra espande su quella presentata in maggio-luglio alla Holborn Library, per includere nuovi contenuti e documenti specifici sull’uso dell’edificio dove si esibì anche il tenore Beniamino Gigli accanto alla statua di Giulio Cesare sotto lo sguardo della Guardia d’onore delle Camice Nere di Londra.
La mostra è curata da Alfio Bernabei sulle basi di ricerche per il suo documentario “Dangerous Characters” girato per Channel 4 e il suo libro “Esuli ed emigrati italiani nel Regno Unito 1920-1940” (Mursia, Milano).

Apertura al pubblico dal 17 novembre al 15 dicembre

4 Charing Cross Road, WC2H 0HF charingcrosslibrary@westminster.gov.uk (020) 7641 6200

Cliccare qui per Registrarsi

Ingresso Libero.

Elezioni CGIE: cosa, quando, dove

L’Ambasciatore italiano a Londra Pasquale Q. Terracciano ha convocato l’Assemblea Paese del Regno Unito per l’elezione dei due membri territoriali del CGIE. L’assemblea, aperta al pubblico, si terrà Sabato 26 Settembre, dalle ore 10.30, presso l’Istituto Italiano di Cultura a Londra, 39 Belgrave Square, W1.

Il CGIE è un organo di consulenza del Governo e del Parlamento sui grandi temi di interesse per gli italiani all’estero. Per conoscerne storia e funzione del CGIE vi rinviamo alla legge, alla presentazione sul sito del MAE, e all’articolo “storico” che ha scritto per Focus In Silviana Mangione, una dei vicesegretari generali del CGIE attualmente in carica.

Gli eletti di Moving Forward, pur esprimendo una posizione critica verso l’utilità di questo organismo, lavoreranno per un dibattito serio e l’elezione di una delegazione degna e rappresentativa della realtà degli Italiani nel Regno Unito, ricca della sua diversità di collocazione geografica, età, livello di integrazione, bisogni sociali e culturali.

cgie

 

 

Resoconto Prima Assemblea di Moving Forward

Si è tenuta lo scorso 21 Giugno, presso la sede dell’INCA CGIL in Canonbury Road, la prima assemblea di Moving Forward, alla presenza degli eletti nel Comites di Londra.
I convenuti hanno preso le seguenti decisioni:
  •  Moving Forward continuerà la sua attività dentro e fuori dal Comites, per promuovere una sana integrazione e portare il contributo della comunità italiana alle battaglie di progresso che attraverseranno il Regno Unito.
  •  Moving Forward sarà guidato da un organo collegiale, un comitato politico composto da un rappresentante per ogni organizzazione e associazione che ha promosso la lista. Queste organizzazioni sono: PD Londra & UK, SEL UK, UK Possibile, Fonderia Oxford, INCA CGIL, Cinema Italia UK, NIALS.
  • All’interno del Comites, gli eletti porteranno avanti una linea costruttiva nel tentativo di fare funzionare al meglio il Comites.
  • All’esterno del Comites, l’attività di Moving Forward si articolerà attorno a quattro temi, di cui si occuperanno diversi gruppi di lavoro:

1) Servizi e Accoglienza: si occuperà di progettare e discutere iniziative volte a migliorare il funzionamento del Consolato ed a migliorare i servizi di accoglienza per i nuovi arrivati.

Responsabile: Martina Di Simplicio

2) Europa e Referendum: si occuperà della campagna referendaria sulla permanenza dello UK nella UE e del coinvolgimento della comunità italiana.

Responsabile: Andrea Pisauro

3) Cultura: si occuperà si promuovere iniziative per promuovere la cultura italiana e per offrire nuove opportunità agli artisti italiani in UK.

Responsabile: Clara Caleo Green

4) Comunicazione: aiuterà il gruppo di eletti e i gruppi di lavoro in particolare nella gestione dei social e della comunicazione.

Responsabile: Laura de Bonfils

Il lavoro dei gruppi inizierà a Settembre, coloro che fossero interessati a parteciparvi possono mandare una mail a movingforward.london@gmail.com accompagnato da una brevissima presentazione.

Resoconto: Terza Riunione del Comites

Si è svolta sabato 27 Giugno a Londra la terza riunione del Comites.

In apertura di riunione, è stato approvato all’unanimità il verbale della seconda seduta, redatto dal segretario Alessandro Gaglione.

Con l’obiettivo di arrivare a un Comites non più bloccato da lotte intestine, la delegazione di Moving Forward ha contribuito all’approvazione del nuovo Regolamento del Comites e all’elezione all’unanimità del nuovo tesoriere Ezio Fabiani, che sarà affiancato da una commissione tesoreria, e della nostra Laura de Bonfils come responsabile a capo della commissione comunicazione.

A Laura facciamo i nostri migliori auguri di buon lavoro. Il lavoro da fare per portare il Comites nel terzo millennio è tanto, ma siamo certi che lei sarà all’altezza!

Il Comites ha poi discusso dei finanziamenti agli enti gestori di corsi di lingua e cultura italiana operanti nella Circoscrizione Consolare di Londra, ovverosia il Coasit e l’Enaip. La decisione unanime è stata quella di astenersi dall’esprimere un parere sui bilanci preventivi. In particolare, su iniziativa di Moving Forward, è stata approvata una mozione (molto simile a quella da noi presentata la scorsa riunione) che chiede all’ufficio scolastico del Consolato di presentare al Comites una relazione sulla programmazione didattica per il prossimo anno, utile a capire meglio il lavoro portato avanti e suggerire eventuali miglioramenti.

Sono stati inoltre approvate due mozioni sulla necessità di sveltire le procedure per il rilascio dei passaporti e su un progetto pilota di ausilio all’ufficio notarile del Consolato di Londra che potrebbe partire nei prossimi mesi.

Al termine della riunione, durata oltre 4 ore e mezza, possiamo ritenerci soddisfatti dei progressi svolti, consapevoli che la strada da fare per rendere utile il lavoro del Comites, è ancora lunga e faticosa.

27 Giugno nuova seduta del Comites di Londra

Una nuova seduta del Comites di Londra, è stata convocata dal presidente Pietro Molle il 27 Giugno, alle ore 13:30 al seguente indirizzo: 136 Clerkenwell Road, London EC1R 5DL (nei locali adiacenti alla Chiesa Italiana).
 
La riunione, è stata convocata per deliberare su diverse questioni:
 
1 – Discussione/Approvazione del Regolamento Interno del Comites;
2 – Formulazione del parere obbligatorio sulle richieste di contributo ricevuto dagli Enti gestori, ai sensi dell’Art 2, comma 4, lettera g  della Legge 286/2003, che riportiamo di seguito:

” il Comites:

g) esprime parere obbligatorio, entro trenta giorni dalla richiesta, sulle documentate richieste di contributo che enti e organismi associativi, che svolgono attività sociali, assistenziali, culturali e ricreative a favore della collettività italiana, rivolgono al Governo, alle regioni ed alle province autonome

3- Elezione tesoriere e discussione sul bilancio del Comites
 
4- Mozioni varie
 
Il secondo punto all’ordine del giorno trattera’ del parere del Comites rispetto ai finanziamenti stanziati dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale agli enti gestori di corsi di lingua e cultura italiana operanti nella Circoscrizione Consolare di Londra, ovverosia il Coasit e l’Enaip. Moving Forward ritiene importante garantire la prosecuzione di tutti i corsi di lingua italiana organizzati con professionalità sul territorio britannico, ma sarà ferma nello svolgere una rigorosa opera di controllo della gestione dei fondi pubblici impiegati e nel chiedere la massima trasparenza e serietà di tutti i soggetti interessati nelle procedure di erogazione, rendicontazione e programmazione delle attività future.
 
Per quanto riguarda gli altri punti in agenda, Moving Forward ha chiesto siano discusse anche le priorità programmatiche del Comites e le Commissioni di lavoro. Siamo in attesa di una risposta dal Presidente.
 
Nei prossimi giorni pubblicheremo su questo sito un resoconto della riunione.
Ricordiamo inoltre che le sedute del Comites sono pubbliche (art.5 comma 5 della Legge 286/2003).
Consigliamo tuttavia per ragioni logistiche chi volesse assistere alla riunione di avvertire i nostri rappresentanti all’indirizzo: movingforward.london@gmail.com.

Seconda Riunione del Comites di Londra: una seduta di straordinario rodaggio

Si è svolta lo scorso sabato 30 maggio, presso i locali antistanti la Chiesa italiana a Clerkenwell, una seduta straordinaria del Comites di Londra. Erano assenti sia l’autorità consolare sia i rappresentanti del CGIE della Gran Bretagna.

Ecco brevemente il resoconto dei nostri Consiglieri.

In apertura di riunione, è stato approvato all’unanimità il verbale della prima seduta (Verbale prima seduta ComitesdiLondra), redatto dal nostro Andrea Pisauro.

Successivamente il presidente Pietro Molle, eletto con la lista Mani Unite. ha raccontato la sua storia di emigrazione e ha introdotto l’ordine del giorno, modificandolo sostanzialmente rispetto a quanto era stato presentato ai vari consiglieri e annunciato nella convocazione di questa riunione straordinaria (che potete trovare qui).

Il primo punto infatti, riguardante la formulazione di un parere obbligatorio sulle richieste di contributo ricevuto dagli enti gestori di corsi di lingua e cultura italiana, è stato rimandato a una prossima riunione, da tenersi entro il mese prossimo, in quanto non erano ancora disponibili i bilanci preventivi dei due enti gestori interessati, Coasit e l’Enaip. La richiesta era in effetti stata inoltrata solo il giorno prima.

Ciononostante i consiglieri di Moving Forward hanno presentato questa mozione (Mozione Seconda Seduta Comites), che chiede, tra le altre cose, una maggiore trasparenza nella gestione dei fondi e un’informativa dettagliata dell’offerta (e delle spese ad essa associate) dei corsi di lingua da parte dell’Ufficio Scolastico del Consolato. La mozione non è stata messa in votazione, e ne chiederemo la discussione nella prossima riunione.

Si è poi discusso del parere sui finanziamenti alla testata giornalistica SM Photonews La Notizia, di proprietà di Salvatore Mancuso, già candidato non eletto con la lista Mani Unite, presente in sala ed invitato ad intervenire. In assenza di una dettagliata relazione sull’utilizzo di questi fondi (£3000 per l’anno passato) e sul bilancio della testata, i consiglieri di Moving Forward hanno preferisto astenersi dalla votazione del parere positivo, approvato con 9 voti favorevoli (6 consiglieri di Mani Unite e un paio della lista ItalUk) e 6 astenuti.

Si è poi discusso del bilancio ereditato dalla gestione precedente, con un passivo di oltre £7000, di cui quasi £2000 di arretrati per lo stipendio di una segretaria part time e circa £1500 per le spese di affitto di una sede. Questa sede, ubicata vicino alla fermata di Angel, aperta per due giorni a settimana, costava circa £4500 l’anno, ed usufruiva di un collegamento internet “business” da £200 ogni tre mesi. Il tutto protratto anche negli ultimi anni di “prorogatio” del vecchio Comites, in teoria scaduto a termini di legge dal 2009. Spese a cui si aggiungevano £300 annuali per il mantenimento di un conto in banca (sic!) e un consistente rimborso per spese telefoniche, al punto che buona parte dei debiti pregressi sono appannaggio di membri del vecchio Comites, a partire dal suo presidente Gino Cancilla, persona vicina al deputato eletto con Forza Italia Guglielmo Picchi.

All’unanimità si è deciso di dismettere la sede, il conto in banca, e di non rinnovare il contratto della segretaria. I consiglieri di Moving Forward hanno chiesto l’apertura di un’indagine conoscitiva in collaborazione col Consolato, delle spese del vecchio Comites.

Non si è avuto il tempo di discutere né del regolamento del Comites, dell’opportunità di effettuare una cooptazione di membri di origine straniera, e neppure delle commissioni di lavoro da istituire. Il presidente ha avuto il tempo di illustrare quelle che ritiene vadano istituite ovvero:

  1. Comunicazione
  2. Rapporti con la comunità
  3. Rapporti con le istituzioni nazionali e regionali
  4. Promozione cultura
  5. Fundraising e tesoreria

Hai poi proposto i nomi dei consiglieri Iacuzio, della nostra Laura de Bonfils, di Fabiani e del presidente medesimo come componenti della commissione comunicazione.

Alla richiesta dei nostri consiglieri di votare prima il presidente della Commissione, come prescrive la legge, la discussione è stata interrotta da un diverbio scoppiato tra i consiglieri Reale e Manocchio (eletti con la lista ItalUk), sul quale la presidenza ha ritenuto di aggiornare la seduta.

In conclusione, una riunione decisamente “di rodaggio”, convocata forse più per l’urgenza di esprimere un parere rispetto al secondo punto dell’ordine del giorno. Il nostro gruppo continuerà comunque con grande pazienza un lavoro collaborativo laddove possibile, di ferma opposizione laddove necessario.

E con chi vorra’ ci vedremo alla

Prima Assemblea di Moving Forward. 

June 21 @ 5:00 pm7:00 pm

Seduta straordinaria del Comites di Londra

Una seduta straordinaria del Comites di Londra, è stata convocata dal presidente Pietro Molle, esponente della lista Mani Unite, il 30 maggio, alle ore 10:30 al seguente indirizzo: 136 Clerkenwell Road, London EC1R 5DL (nei locali adiacenti alla Chiesa Italiana).
 
La riunione, è convocata per deliberare sul seguente ordine del giorno:
 
1- Adempimenti straordinari urgenti: formulazione del parere obbligatorio sulle richieste di contributo ricevuto dagli Enti gestori, ai sensi dell’Art 2, comma 4, lettere g e h della Legge 286/2003, che riportiamo di seguito:

” il Comites:

g) esprime parere obbligatorio, entro trenta giorni dalla richiesta, sulle documentate richieste di contributo che enti e organismi associativi, che svolgono attività sociali, assistenziali, culturali e ricreative a favore della collettività italiana, rivolgono al Governo, alle regioni ed alle province autonome;

h) esprime parere obbligatorio, entro trenta giorni dalla richiesta, sui contributi accordati dalle amministrazioni dello Stato ai locali mezzi di informazione.”

2- Formazione dell’elenco delle Commissioni di Lavoro.
 
3- Designazione del presidente e dei membri della sola Commissione “Comunicazione”.
 
Il primo punto all’ordine del giorno trattera’ del parere del Comites rispetto ai finanziamenti stanziati dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale agli enti gestori di corsi di lingua e cultura italiana operanti nella Circoscrizione Consolare di Londra, ovverosia il Coasit e l’Enaip, nonché quelli erogati a favore della testata giornalistica SM Photonews La Notizia.
Nel secondo e nel terzo punto verrà discussa la struttura organizzativa e le priorità politiche del Comites per i prossimi mesi ed anni.
 
Moving Forward ritiene importante garantire la prosecuzione di tutti i corsi di lingua italiana organizzati con professionalità sul territorio britannico, ma sarà ferma nello svolgere una rigorosa opera di controllo della gestione dei fondi pubblici impiegati e nel chiedere la massima trasparenza e serietà di tutti i soggetti interessati nelle procedure di erogazione, rendicontazione e programmazione delle attività future.
 
Nei prossimi giorni pubblicheremo su questo sito un resoconto della riunione.
Ricordiamo inoltre che le sedute del Comites sono pubbliche (art.5 comma 5 della Legge 286/2003).
Consigliamo tuttavia per ragioni logistiche chi volesse assistere alla riunione di avvertire i nostri rappresentanti all’indirizzo: movingforward.london@gmail.com.

La nostra prima seduta al Comites di Londra

Londra, 29/4/2015

Lunedì 27 aprile si è tenuta la prima riunione dei Comites, a cui Moving Forward ha partecipato con i suoi cinque neoeletti rappresentanti (Martina Di Simplicio, Andrea Pisauro, Golam Maula Tipu, Laura de Bonfils, Clara Caleo Green). Nella seduta abbiamo presentato la nostra forte motivazione a rinnovare un organismo che negli ultimi anni non è stato rappresentativo e che non ha avuto un reale contatto con la comunità italiana nella circoscrizione di Londra, soprattutto quella di immigrazione più recente e più giovane (come ci ha ricordato il console generale più del 70% degli italiani che ogni anno arrivano in UK non superano i 35 anni). Pur non avendo la maggioranza dei seggi, siamo l’unica forza interamente nuova del nuovo Comites e per questo ci siamo candidati alla sfida e responsabilità di guidarlo. Andrea Pisauro, che abbiamo proposto come presidente, ha esposto il nostro programma in dettaglio. Andrea, Martina e tutti noi abbiamo ribadito la volontà di procedere in maniera unitaria e collaborativa, imparando dall’esperienza da chi siede nei comites da tempo a conoscere e rappresentare anche le esigenze della prima generazione di immigrati. Purtroppo questo non è bastato e dopo aver preso 9 voti sui 10 necessari alla prima votazione, in seconda battuta Andrea è stato superato da Pietro Molle della lista Mani Unite.

In conclusione abbiamo eletto Martina Di Simplicio come rappresentante nell’esecutivo. Nonostante la posizione di minoranza restiamo motivati a impegnarci per far lavorare seriamente questo comites tanto collaborando quanto facendo opposizione critica e costruttiva.